SUPERIORE. 1


Alle società di storage statunitensi Seagate, Western Digital e Toshiba America Electronic Components (TAEC) è stato chiesto di rispondere a una serie di domande relative a un'indagine sulla possibile fornitura di dischi rigidi a Huawei.

Lanciata a marzo, l'indagine è stata condotta dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti e inizialmente si è concentrata sull'eventualità che Seagate, in particolare, fornisse o meno dischi rigidi alla società cinese inserita nella lista nera.

Una lettera scritta dal senatore Roger Wicker, membro del Comitato per il commercio degli Stati Uniti, è stata consegnata ai tre pesi massimi del magazzino, contenente domande (incluse integralmente di seguito) sulla loro interpretazione delle normative. Affari, licenze di spedizione e rapporti con Huawei .

Restrizioni commerciali Huawei

Huawei è stata inserita per la prima volta nella lista nera negli Stati Uniti nel maggio 2019, costringendo le aziende americane a interrompere alcune attività commerciali con la società cinese.

In altre parole, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha affermato che la società non dovrebbe essere in grado di procurarsi "chip sviluppati o prodotti da software o tecnologie statunitensi nella stessa misura di chip statunitensi comparabili".

Un emendamento entrato in vigore nel luglio 2019 ha consentito alle aziende di rifornire Huawei e le sue affiliate, ma solo dopo aver richiesto e ricevuto una licenza speciale.

Un portavoce di Western Digital ha detto a The Register che la società ha richiesto la licenza necessaria, ma è ancora in attesa di approvazione.

"Abbiamo smesso di spedire Huawei a metà settembre del 202 per conformarci alle nuove regole emanate dal Ministero del Commercio", ha detto il portavoce. "Abbiamo richiesto una licenza per spedire prodotti a Huawei nel settembre 2020".

Si ritiene che Seagate non abbia richiesto un'esenzione speciale, mentre TAEC non ha fornito alcuna indicazione delle proprie intenzioni al riguardo.

Le domande nella loro interezza

  • La tua azienda ritiene che la regola finale proibisca la spedizione di dischi rigidi a Huawei oa qualsiasi affiliato senza licenza? Spiega per favore.
  • La tua azienda ha continuato a spedire dischi rigidi che sono prodotti diretti della tecnologia o del software soggetto all'AEOI in questione a Huawei oa qualsiasi affiliato dopo il 14 settembre 2020? In tal caso, spiegare perché.
  • La tua azienda ha richiesto una licenza per spedire i prodotti coperti a Huawei o a un'affiliata dopo il 14 settembre 2020? In tal caso, spiega anche lo stato della tua richiesta.
  • La tua azienda ha un prodotto semiconduttore sui suoi dischi rigidi di cui il fornitore è a conoscenza o dovrebbe sapere che sarebbe stato successivamente incorporato nei dischi rigidi per la successiva spedizione a Huawei o una filiale?
  • Attraverso il registro

    Condividi questo
    A %d blogger come questo: