Microsoft ha annunciato la chiusura del suo servizio Azure Blockchain entro la fine dell'anno, che consentirà agli utenti di migrare i propri dati contabili prima del 10 settembre 2021.

Blockchain è la tecnologia resa popolare per il suo utilizzo nelle criptovalute. Tuttavia, la sua natura robusta, distribuita e virtualmente a prova di manomissione lo rende attraente per tutti i tipi di industrie.

Microsoft ha fatto diversi tentativi di offrire Blockchain come servizio con successo attraverso la sua piattaforma di cloud computing Azure risalente al 2015. Nella sua ultima incarnazione, il servizio Azure Blockchain mirava a semplificare la formazione, l'amministrazione e la governance del consorzio di rete blockchain, liberando le aziende concentrarsi invece sulla logica del flusso di lavoro e sullo sviluppo di applicazioni.

Sebbene il servizio includa GE, JP Morgan, Singapore Airlines, Starbucks e Xbox come clienti, ZDNet afferma di non aver ricevuto molta attenzione da Microsoft ultimamente.

Migrare ad alternative

La documentazione Microsoft suggerisce alcune alternative agli utenti per la migrazione dei propri record.

La destinazione di migrazione consigliata è il servizio ConsenSys Quorum Blockchain, un'altra offerta blockchain completamente gestita che viene eseguita su Azure e supporta Quorum come tecnologia di contabilità.

"Lavorando a stretto contatto con ConsenSys, saremo in grado di fornire ai nostri clienti un modo semplice per distribuire e gestire i loro controller blockchain e casi d'uso di produzione in esecuzione su Microsoft Azure", ha affermato Mark Russinovich, CTO di Microsoft Azure.

L'altra alternativa suggerita da Microsoft è che gli utenti gestiscano autonomamente i propri blockchain utilizzando macchine virtuali IaaS (Infrastructure as a Service).

Tramite ZDNet

Condividi questo
A %d blogger come questo: